{Real travel: La Thuile}

Non ho mai amato la montagna, anzi non l’ho mai vissuta, forse è per questo che non mi ha mai affascinato. Se non vivi una cosa non puoi conoscerla. 
Sono una ragazza da mare. Il mare è il mio ambiente naturale. Ci sono nata e ci sono tornata a vivere.
Ma la montagna non la conosco. Mi ricordo di una settimana bianca alle superiori. Un ultimo dell’anno e di weekend lunghi che per lavoro mi vedevano trasferirmi dal venerdì al lunedì sulle piste, d’inverno. Mi ricordo il freddo, la fatica, la difficoltà, la paura sulle piste con il maestro, lezioni  che si concludevano con me che toglievo gli sci e scendevo a scaletta. Mi ricordo di qualche lezione di snowboard… un disastro e tanta frustrazione.
Mi piacerebbe saper sciare ma son troppo grande per imparare, son fifona ed ho anche un problema alla spalla che mi impedisce di fare certi movimenti.
Però mi ha sempre affascinata e così lo scorso fine settimana siamo partiti, direzione La Thuile, in Val d’Aosta. La montagna me la immagino così, case a punta dai tetti in ardesia, qualche addobbo Natalizio mai tolto, pane nero, polenta, un fiumiciattolo che attraversa il paese. La Thuile è deliziosa, ma anche Pré Saint Didier, dove ci sono le terme e soprattutto Courmayeur.
Momento perfetto per passare qualche giorno via dall’afa soffocante. Dormire con la copertina … che sensazione piacevole! Fare colazione con miele, cereali, pane e marmellata prima della nostra camminata. Troppi i percorsi da fare, indecisi fino alla fine, abbiamo scelto di andare a vedere le 3 cascate. 5 ore di cammino quasi tutti in salita e non  proprio su strade perfette. 
Non siamo partiti “preparati”, una nike con suola liscia, uno zainetto con una tavoletta di cioccolata fondente una bottiglia d’acqua. Siamo sempre incoscienti!
Abbiamo incontrato, due suore che andavano spedite senza tentennamenti ( ma loro hanno chi le guida!!), famiglie di stranieri con bambini al seguito, mai una lamentela, mai un sussulto, coppie come noi ma molto più professioniste (scarponcini, racchette per camminare, frutta e panini nello zaino!)
Partiti alle 9, 15 gradi, ignari della difficoltà!
Ma noi siamo così, tutto ci entusiasma e niente ci spaventa!
All’inizio il percorso è tranquillo. Niente di fa pensare al peggio… che arriverà subito dopo la prima cascata!
Abbiamo visto l’arcobaleno, ci siamo bagnati sotto al getto impetuoso delle cascate e ci siamo incantati a vedere il paesaggio che queste montagne ci hanno regalato.
Quanto sono immense, fanno paura a vederle da vicino.

Photo @gaia borzicchi
Malgrado tutto, siamo arrivati in cima, abbiamo visto le 3 cascate, ci siamo sdraiati al sole, abbiamo cercato di rinfrescarci nel fiume con scarsi risultati vista l’acqua gelata (sembrava mi si tagliassero i piedi!!!) . Alla fine dopo 5 ore e 10 Km di cammino siamo rientrati alla base. Non sono mai caduta, non mi sono fatta male, sono inciampata diverse volte, ma è la mia caratteristica, qualche graffio, ma ci sono riuscita e non vedo l’ora di rifarlo! 
Abbiamo già il nuovo percorso da fare!
Per dormire a La Thuile 
Frazione Piccola Goletta 159
Tel 0165 884656
(se sciate è perfetto, le piste arrivano direttamente all’albergo)
Per Mangiare a La Thuile
Lo Tatà
Frazione Piccola Goletta 102
Tel 0165 884132
Dopo una giornata di sci/trekking/camminate

(da provare assolutamente!!! in inverno le vasche esterne di acqua calda sono immerse nella neve!!)
Per lo Shopping a Courmayeur

(purtroppo siamo arrivati ed era già chiuso, solo a guardare le vetrine me ne sono innamorata!)

  • Ah, le terme di Pre, che sogno! E' la meta preferita da me e mio marito sia in estate che in inverno! I genovesi hanno un'attrazione naturale per la valle d'aosta, sarà la vicinanza (di chilometri e di carattere dei suoi abitanti!!!!!!). Noi trascorriamo lì da anni vacanze estive e capodanni ed è sempre bellissimo. Una volta scoperta la montagna non se ne può più fare a meno!

  • "Non ho mai amato la montagna, anzi non l'ho mai vissuta, forse è per questo che non mi ha mai affascinato. Se non vivi una cosa non puoi conoscerla." Ecco avrei potuto scriverle io queste parole. Poi per amore di un alto atesino doc ormai 8 anni fa, ho cominciato a frequentarla e a viverla, anche d'estate. E ora ti posso garantire che quando le cose non girano o la testa scoppia di pensieri, più salgo e più la testa si svuota e torno a respirare. E poi vuoi mettere la soddisfazione che si prova ad arrivare fino su, su quella cima che da sotto ti sembrava inarrivabile?
    In bocca al lupo Gaia per il tuo nuovo inizio e che la montagna sia solo una delle tante tantissime scoperte che questa nuova avventura ti regalerà

  • Anto said:

    Ciaoooo Gaia!!!!!bellissimooooooo secondo te i cani si possono portare????anto

    • Gaia said:

      Ciao Anto, dici in albergo? Non saprei, la proprietaria ha un Labrador...dovresti sentire da loro! Ciao
      gaia

  • Laura said:

    Ciao Gaietta
    e' insolito per me commentare i tuoi "reportage" cosi' tardi.. siamo gia' a settembre ... ma questa estate e' stata per me come un treno ad alta velocita'; con le mie vacanze incastrate nel lavoro che nn mi hanno dato un giorno per dire... oh dolce far niente. A parte i giorni di vacanza vera e propria che sono stati come lavorare !..
    Ma eccomi qua.. felice di essere qua.. con un Settembre che benche' il treno sia semore veloce.. paradossalmente sento un po di lentezza.
    E penso alla tua vacanza montanara.. eh gia' era proprio lo scorso anni che te la consigliai.. nn so se ricordi. La Montagna.. e' viva.. e' vita.. rigenera.. ti chiamera' sempre a se' da ora in poi..
    Certo il tuo mare.. ma vedrai...la ricercherai..
    Ti abbraccio Gaietta.
    Queste tue foto mancavano.. e arricchiscono.
    Bacio